17/02/2016
Vinitaly - Verona - 10-13.04.2016 - Padiglione 4 - Stand B2
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17/02/2016
Prowein - Düsseldorf - 13-15.03.2016 - Halle 16 - Stand K28 | Halle 16 - Stand C31 (Vinissimo)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

18/11/2015
Vulcaia Fumé 2013 e Oratorio di San Lorenzo 2011 - 5 grappoli Bibenda 2016
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

18/11/2015
Vin Soave 2014, Vigneto Du Lot 2013, Bradisismo 2012 e Oratorio di San Lorenzo 2011 saranno serviti per i prossimi due mesi alla BCE Banca Centrale Europea
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

James Suckling ultimi punteggi:
Vulcaia Sauvignon 2014 - 93 p.
Vin Soave 2014 - 92 p.
Vigneti di Foscarino 2013 - 92 p.
Vigneto Du Lot 2v013 – 91 p.
Carmenere Piu 2012 – 91 p.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Robert Parker ultimi punteggi:
Vigneto Du Lot 2011 - 93 p.
Vulcaia Fumé 2011 - 92 p.
Oratorio di San Lorenzo 2009 - 93 p.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

06/03/2014
Vinitaly 2014 - 06-09.04.2014 - Verona / Padiglione 5 - Stand A5
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

29/01/2014
Prowein 2014 Düsseldorf - 23-25 marzo 2014 - Halle 3, stand 3P10
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

14/02/2014
Vigneti di Foscarino 2012 Soave Classico DOC
90 pt. Antonio Galloni's Vinous - link
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

06/11/2013
Inama at Great Wines of Italy Event by James Suckling
28-29 November 2013, Four Season Hotel, Hong Kong

Vigneto Du Lot 2011 - 93 p.
Vulcaia Fumé 2011 - 92 p.
Oratorio di San Lorenzo 2009 - 93 p.

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

06/11/2013
Inama at Merano Wine Festival
8-11 November 2013, Kurhaus, Pavillon des Fleurs
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

20/10/2013
Vulcaia Fumè 2011
5 grappoli Bibenda
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

20/09/2013
Inama Oratorio San Lorenzo 2009
3 Bicchieri Guida Vini d'Italia 2014
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

15/01/2013
Oratorio di San Lorenzo 2009 il primo vino DOC Colli Berici CARMENERE RISERVA - scarica il Pdf

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

30/11/2012
Inama at Great Wines of Italy Event by James Suckling
December 4th-5th, Island Shangri-la Hotel, Hong Kong
Vigneto DuLot 2010 - 94 pt
Vigneti di Foscarino 2010 - 93 pt
Bradisismo 2008 - 93 pt

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10/09/2012
Inama Bradisismo 2008
3 Bicchieri Guida Vini d'Italia 2013
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10/10/2012
Riflessioni sulla percezione e sul consumo del vino - scarica il Pdf

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23/05/2012
VinExpo 2012 - Hong Kong - 29-31 maggio 2012
Azienda Agricola Inama: Hall 1 - level 1 - Stand HJ86
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

20/01/2012
Vinitaly 2012 - Verona - 25-28 marzo 2012 - Azienda Agricola Inama
Padiglione 5 - Stand A5
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

 
20/01/2012
Il Vino Classico Italiano, Il Soave Classico, Una Tradizione In Parte Dimenticata

La storia del vino italiano ha origini molto antiche. Già i Greci chiamavano l'Italia "Enotria", terra del vino. Molte aree sono state vitate in epoca Romana ed hanno dato vita a vini che esistono tutt'oggi. Altre sono conosciute già dal medioevo. I vini provenienti da queste zone storiche, divenuti poi D.O.C. ("Denominazione di Origine Controllata") e D.O.C.G. ("Denominazione di Origine Controllata e Garantita"), hanno preso il titolo di vini Classici. I principali vini che si possono fregiare della qualifica "CLASSICO" sono il Soave, il Chianti, l'Orvieto, il Valpolicella e il Verdicchio dei Castelli di Jesi. Ciò significa che all'interno delle aree D.O.C., definite nella seconda metà del 900, vi era un'area originaria, un "nocciolo" molto antico, da cui provengono i vitigni originali di quel vino. I romani, o chi per loro, sapevano bene quello che facevano e quello che volevano. La viticultura in quell'epoca era molto avanzata e, dai documenti che possediamo, sappiamo che avevano identificato le zone migliori per produrre il vino che corrispondevano al loro gusto. Nel caso dei vini bianchi Classici, il Soave e l'Orvieto provengono da aree vulcaniche. Anche altri vini come l'Est Est Est, il Greco ed il Fiano, originatisi in epoca antica, provengono da aree vulcaniche vitate in epoca Romana. Come mai molti di questi vini sono stati parzialmente dimenticati dai consumatori? Oppure il loro successo e la loro reputazione non sono all'altezza di quello di altri più recentemente prodotti? Eppure i vini Classici vengono dalle aree più antiche dove il territorio, l'adattamento della vite, la tradizione e la storia dovrebbero concorrere a renderli dei monumenti all'ottimo bere. Esistono molte spiegazioni. La normativa della D.O.C. è stata gestita dai Consorzi di Tutela delle singole D.O.C. Questi hanno commesso una quantità di errori che sono andati poi a ricadere sulla reputazione dei vini e sulle generazioni future di vignaioli. Le antiche aree vitate sono state le prime, già dagli anni '60 e '70, ad avere un certo successo, soprattutto grazie all'esportazione. A questo ha fatto seguito spesso un politica priva di lungimiranza da parte dei dirigenti che hanno preferito investire a breve termine sui grandi quantitativi e sulla propria carriera piuttosto che sulla vite e sul vino.

Ad esempio, sono nati Consorzi di produzione che avrebbero dovuto lavorare per il vero miglioramento e per la creazione nei vignaioli di una mentalità adatta a produrre grandi vini per mercati sempre più sofisticati, lasciando ad aree meno vocate la produzione di vini ordinari. Invece il grande cooperativismo ha creato spesso ciclopiche cantine sociali che ritirano anche uve scadenti pagate, in passato, addirittura ad un buon prezzo. Questo ha creato nei vignaioli la falsa percezione che quella fosse la strada da seguire. Nel caso del Soave l'area D.O.C. è stata allargata ben al di là dell'area Classica senza dare alcuna spiegazione al consumatore che, ignaro, beve spesso un vino mediocre con un nome antico e altisonante, traendone ovvie conclusioni e passando così a bere altro.Di tutto ciò ha fatto le spese il vino Classico serio, prodotto spesso da viticoltori o da piccole cooperative che hanno mantenuto l'amore per il loro grande territorio Classico senza mescolare i vini, senza eccedere nella produzione, senza farsi prendere dalla smania del facile guadagno. Noi produciamo solo Soave D.O.C. CLASSICO, con una varietà antica adattatta all'area Classica collinare e vulcanica da migliaia di anni: la Garganega. Raramente però il consumatore conosce il vero significato della magica parola CLASSICO, poiché la zona del Soave Classico è stata allargata di quasi dieci volte, fino a comprendere anche una vasta porzione di area pianeggiante, dove il terreno alluvionale è troppo fertile e le viti di Garganega non trovano più il proprio equilibrio. Spinte dai viticoltori a produrre molto, danno origine ad un vino ordinario e dozzinale. Purtroppo anche questo vino si chiama Soave D.O.C.

Scarica il pdf

 
26/07/2011
Newsletter Inama

Il Soave è stato, a partire da una cinquantina di anni fa, il vino bianco più bevuto negli Stati Uniti.
A quell'epoca nel mondo (che significava sopratutto America), il vino italiano veniva declinato in pochi nomi: Soave Classico, Chianti Classico primariamente, e poi Verdicchio Classico, Orvieto Classico e pochi altri.
Eravamo partiti bene. Nel senso che la classicità dei vini italiani storici, o addirittura ancestrali, la faceva da padrona. Non esistevano ancora Pinot Grigi e tanto meno Prosecchi. Il Brunello era appena nato. C'era qualche bottiglia di Barolo e di Amarone.
Perché allora questo grande cambiamento? Perché i vini classici italiani, provenienti dalle aree più vocate dove addirittura gli antichi romani avevano posto le viti, non sono cresciuti con il mercato del vino che da lì a poco sarebbe esploso?
La risposta è purtroppo semplice. In tutte le aree dove si è affermato il grande cooperativismo, come Soave, Verdicchio, Orvieto e Frascati la produzione non si è sviluppata secondo un sano principio di miglioramento, ma è peggiorata a causa delle miopi politiche delle grandi cooperative, tirando con sé anche quella piccola parte di produttori indipendenti che hanno sofferto e soffrono della cattiva immagine creata dalla produzione di massa.
La polemica su questo tema va avanti da anni, ma senza produrre effetti apprezzabili. Il risultato è che bottiglie insignificanti di produzioni di massa imposte in aree prestigiose languono sui piani bassi degli scaffali dei supermercati. La concorrenza dei vini di paesi dell'emisfero australe ha spazzato via questi vini dai mercati tradizionali, come USA, Inghilterra ecc. Mentre in Germania i produttori si sono svegliati, e nonostante abbiano gli stessi problemi cooperativistici, ne è nata una stirpe che sta facendo ritornare in auge il loro eccellente Riesling.

Ma perché le grandi cooperative non funzionano? Per un semplice motivo legato all'essenza del produrre vino: il vino per natura non
è ammasso ma selezione. Non ha nulla a che fare con i cereali o

con i pomodori. Anche a livelli economici bassi bisogna sempre cercare di tirar fuori il meglio dalla vigna. La grande cooperativa invece è nata per ammassare.

IL SOAVE
La nostra area purtroppo non fa eccezione. Anche se, pure negli anni più bui, un manipolo di piccoli produttori ha tenuto alto il nome del buon Soave Classico nel mondo, fornendo ai veri appassionati bottiglie che poco temono il confronto con vini più costosi.
L'area Classica fa parte di quella che è la più estesa zona basaltica d'Italia. L'originale successo del vino ha incrementato la produzione di Soave nella zona pianeggiante, alluvionale e molto più fertile, con il risultato che il vino spesso non è più neppure lontano parente dell'originale Soave DOC Classico, prodotto esclusivamente in zona collinare, ma può fregiarsi del titolo Soave DOC. Cosa può capire il consumatore?
Inoltre una nuova denominazione è stata creata di recente per identificare il Soave collinare, prodotto però al di fuori della zona classica: Soave DOC Colli Scaligeri. Ma è sconosciuta e quasi introvabile.

Allora che fare? La rivoluzione ha preso corpo un anno fa. Una buona fetta di produttori, tra cui noi, è uscita dal Consorzio del Soave e ha dato vita ad un nuovo gruppo "I vignaioli indipe ndenti del Soave" (www.vignaiolidelsoave.it). L'associazione è affiliata al F.I.V.I. (www.fivi.it), la Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti. Lo spirito è contribuire a ridare dignità al Soave come denominazione.
Le bottiglie sono riconoscibili dal marchio con il vigneron "FIVI" apposto sulla capsula. E' un piccolo gesto, un segno di presa di posizione netta contro il vino commerciale.
I vignaioli indipendenti del Soave si propongono come una vera alternativa a tutti quei soave senza paternità, garantendo la totale tracciabilità del ciclo produttivo.
Scarica la Mappa

 
31/03/2011
Riflessioni sulla degustazione: il gusto e la bontà. L'insegnamento di Emile Peynaud
Riferendosi all'appassionato che, avvicinandosi al vino vuole imparare a degustarlo, Emile Peynaud (professore di enologia all'università di Bordeaux, 1912-2004) uno dei padri del vino moderno, scriveva:
'Addestrare nuovamente i sensi, riacutizzare la percezione, affinare una sensorialità atrofizzata possono essere alcuni aspetti non secondari di una plausibile filosofia dell'esistenza.
La degustazione, come esercizio di consapevole e riflessa sensorialità, è un pezzetto di questo cammino'.
(Il gusto del vino, il grande libro della degustazione, 1980).

'Degustare' è una parola utilizzata largamente da professionisti e appassionati del vino. Su vari testi si trovano una quantità di metodologie che spesso si assomigliano. Si aggrovigliano in raffinati quanto complicati sistemi e scale di valutazione per sezionare il vino nelle sue parti compositive. La teoria vuole che la comprensione e la valutazione delle differenti caratteristiche (colore, limpidezza, profumo, acidità, astringenza, armonia, aromaticità ecc.) concorrano come fattori per il giudizio finale sul vino. Spesso il modo 'asettico' e impersonale con il quale i manuali suggeriscono di effettuare la degustazione comporta un appiattimento di giudizi soprattutto da parte dei neofiti.

Recentemente sono state proposte nuove tipologie di vini, cosiddetti 'naturali', prodotti in base a princìpi che non seguono le regole classiche delle buone pratiche enologiche e dei sistemi di valutazione: sono talvolta torbidi, di colore non brillante e/o smorto. Il sapore può essere molto diverso da quello dei vini 'convenzionali'. Il produttore si prefissa, o crede, di imbottigliare il vero sapore della natura, senza pensare che tante volte la natura produce sapori molto cattivi. E' sempre di Emile Peynaud l'affermazione che 'la natura da sola non produce mai il vino, ma sempre l'aceto'. Santa verità. Ma il bere non consapevole rende buono anche il vino acetoso, un miracolo, quello di ritrasformare l'aceto in vino, a cui neppure Gesù Cristo aveva osato pensare.

Ma allora dove stanno il gusto e la bontà?

L'indicazione ce la dà di nuovo il grande professore di Bordeaux quando parla della degustazione come 'esercizio di consapevole e riflessa sensorialità'.
Il gusto, si sa, è personale e non disputabile. Ma va costruito e affinato. Esistono vini classici che sono pietre miliari del gusto dai quali non si può transigere. Sicuramente i grandi Borgogna per i bianchi e i grandi Bordeaux per i rossi, sui quali affinare i propri sensi. Ma anche accettare passivamente il giudizio altrui è la via sbagliata.

I vini vanno apprezzati e riconosciuti alla cieca. Solo così si ha la controprova che i nostri sensi si stanno allenando e crescono nella direzione giusta.

Purtroppo invece, un gran numero di degustatori lo fa con gli occhi e... con le orecchie. Si sa in anticipo cos'è un determinato vino che corrisponde ad un cliché di gusto che si è abbracciato. Ne si è già sentito parlare, si conoscono le valutazioni altrui, se ne vede l'etichetta. Il nostro cervello lo percepisce gi à buono prima ancora di averlo assaggiato. Deve essere buono per forza.
Questo è il motivo per cui, alcune volte, vini veramente cattivi e incomprensibili vengono osannati dal pubblico e (sigh!) dalla critica.

La spiegazione ci viene ancora da Emile Peynaud con un una massima tranciante, il suo più celebre aforisma: 'Il vino è conforme alla rozzezza dell'intelletto: ognuno beve il vino che merita'.

 
31/03/2011
Vignaioli Indipendenti del Soave a Vinitaly - scarica il Pdf
 
21/03/2011
Vignaioli Indipendenti del Soave News - scarica il Pdf
I Vignaioli Indipendenti del Soave rafforzano la loro specificità di filiera
230 ettari di produzione vinicola di eccellenza marchiata dal logo F.I.V.I..
Il 70% delle Aziende aderenti al gruppo dei Vignaioli Indipendenti del Soave
premiate dalle più prestigiose guide di settore.
 

08/02/2011
Vinitaly 2011 - Verona - 7 - 11 aprile 2011 - Azienda Agricola Inama
Padiglione 5 - Stand A5
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

 

08/02/2011
Prowein 2011 Düsseldorf - 27-29 marzo 2011 - Padiglione 3 - Stand 3 J 140
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

 

03-11/08/2010
INAMA NEL WASHINGTON POST E NEL CHICAGO TRIBUNE
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .




WASHINGTON POST
Celebrando il Carmenere, l'incomparabile vino rosso cileno
di Jason Wilson

Negli anni seguenti alla mia laurea, i primi anni '90, bevevo molto vino rosso cileno. Ne acquistavo la maggior parte in bottiglioni a poco prezzo e lo portavo spesso a quel tipo di cene dove si preparavano cattivi piatti di lasagne vegetariane e qualcun altro aveva tentato di fare del taboulè, noi tutti assiepati su vecchi divani ammuffiti a mangiare da differenti piatti. Alcune volte non c'era nemmeno un cavatappi e qualcuno beveva vino in una tazza da tè.

I vini cileni che bevevamo in quei giorni erano dei blend di Merlot e Cabernet e potevano contenere anche qualcos'altro. Erano banali e bevibili, il classico vino che ti faceva dire: 'Già, è solo un vino rosso'.

Oggi cerco vini con più personalità. Così i rossi cileni non hanno più avuto molta importanza nella mia vita fino a poco tempo fa quando ho iniziato ad interessarmi ad una particolare varietà, il Carmenere.

Quello che mi piace del Carmenere è la sua caratteristica di pepe nero, spezie e frutti scuri, più di prugne rosse che di bacche. Quando è buono è veramente unico. Approfondendo la mia conoscenza su questo vino, ho saputo che Inama, uno dei miei produttori preferiti del Veneto, ha fatto degli esperimenti con questa varietà. Sembra che delle vigne di Carmenere esistano anche sui Colli Berici vicino a Vicenza, ma si credeva che fosse Cabernet Franc fino a quando il test del DNA ha provato il contrario. Inama, invero, è riuscito a risalire all'origine del Carmenere, proveniente, in epoca remota, dalla costa Dalmata e dall'Albania, dove esiste ancora.

Il Carmenere di Inama è stato così ben accolto che l'azienda ha deciso di mettere a dimora nuovi vigneti. 'Vedo in futuro il Carmenere dei Colli Berici prendere posto tra i vini di livello mondiale', dice il produttore Stefano Inama in una e-mail. 'Qualcuno può pensare che sia follia, ma la stessa cosa accadde al Cabernet Sauvignon di Bolgheri e di Sassicaia negli anni '70'.

Per ora, il suo Oratorio di San Lorenzo è di una classe a parte, il miglior Carmenere in purezza che io abbia mai assaggiato. Più a buon mercato si può trovare il Carmenere Più, un blend di Carmenere, Merlot e Raboso Veronese, un altro vino vincente.

Prima il Cile. Ora l'Italia. E' come un gioco: quale sarà la prossima parte del mondo dove riapparirà il Carmenere?

CHICAGO TRIBUNE
'No winemaking' dice un produttore italiano
Stefano Inama vuole tornare al far vino artigianalmente

di Bill Daley

'Il Soave è al suo meglio un vino così così'. Questa è la frase che ti capita di ascoltare da chi è rimasto deluso (e stufo) dal vino bianco italiano più conosciuto. Ma il vino Soave, che prende il nome dall'omonima cittadina del Veneto, può essere buono, fresco, minerale e ideale per accompagnare le pietanze. Una delle migliori interpretazioni del Soave può essere trovata sotto l'elegante etichetta neoclassica di Inama.
L'azienda è stata fondata nel 1965 da Giuseppe Inama che è mancato lo scorso anno. Il suo scopo iniziale, come ci dice suo figlio, il successore Stefano Inama, era di fornire gli imbottigliatori di vini veronesi con un buon Soave, prodotto con uva Garganega.
'Nel 1991 ho cominciato a mettere in bottiglia i nostri vini bianchi', mi ha scritto Stefano Inama in una e-mail dall'Italia. 'L'idea iniziale era quella di ritornare a produrre un Soave Classico vecchia maniera. Ciò facendo seguito alla mia ricerca sul tema e dopo aver raccolto informazioni dagli anziani della zona sulle antiche tecniche artigianali di produzione. Nel 1992 abbiamo prodotto il primo Soave Classico Vigneti di Foscarino selezionato dai nostri vigneti a pergola del Monte Foscarino.'

Ciò che suo padre ha fatto con la Garganega, Stefano Inama lo sta facendo ora col Carmenere, un'uva a bacca rossa che in passato aveva un ruolo minoritario nella produzione del Bordeaux. La varietà fu poi piantata in Cile e nel Nord dell'Italia e in entrambi i posti fu male identificata o addirittura dimenticata. Ma sia per i bianchi che per i rossi, Inama ci conferma che applica la stessa filosofia nel produrre il vino: 'No winemaking'. Può suonare stravagante, lo so, ma questa è la spiegazione: 'Nonostante la cantina sia moderna, noi manteniamo gli interventi tecnologici al minimo. I vini sono maturati in vecchie barrique, applicando un'enologia veramente minimalista, simile a quella dei secoli passati', ci ha scritto Inama. 'Crediamo che sia l'autenticità ad essere l'elemento chiave nei vini', ha aggiunto. 'I vigneti di rosso sono tutti certificati in conduzione biologica, mentre quelli di uve bianche sono in gestione virtualmente biologica ma non sono certificati. Nessun consulente enologico o guru del vino è ammesso nella nostra azienda. Tutti i vini sono prodotti solo con le nostre uve'.

Ecco altre considerazioni di Inama sul vino e sul winemaking:

DOMANDA: Cosa dovrebbero sapere i consumatori americani sulla vostra azienda?
RISPOSTA: Gli americani dovrebbero sapere che la maggior parte della gente al mondo vuole bere vini prevedibili. Noi invece vogliamo produrre vini che non siano prevedibili, che siano differenti, che diano sensazioni diverse anno dopo anno.

DOMANDA: Che cosa ti ha spinto ad iniziare con il Carmenere? Dove credi che questo vino arriverà?
RISPOSTA: Nel 1997 ho iniziato ad interessarmi alla produzione di un vino rosso per completare la nostra produzione. Mi sono rapidamente innamorato dei Colli Berici, un antico bradisismo (un sollevamento vulcanico che genera un suolo molto ricco di microelementi e minerali fatto di terra rossa su pietra arenaria). Questa area semisconosciuta è stata il primo insediamento dei vitigni bordolesi in Italia, a partire dal 1850 circa. All'acquisto dei primi vigneti sui Colli Berici, ci siamo resi conto che vi erano vigne di Carmenere sparse nella regione. Abbiamo così imbottigliato il nostro primo vino, Bradisismo, un blend di Carmenere, Cabernet Sauvignon e Merlot che ha riscosso subito un ottimo successo. La varietà Carmenere si è adattata così bene a questo territorio unico ed alla nostra tecnica viticola che immagino in futuro possa competere a livello mondiale. Siamo i soli ad avere questa visione: al momento possediamo circa 15 ettari di Carmenere, che è probabilmente il più grande appezzamento in Europa. Qualcuno può pensare che questo sia pazzesco, ma la stessa cosa fu detta per i vigneti di Cabernet Sauvignon di Bolgheri e Sassicaia negli anni Settanta.


 

03/05/2010
INAMA E FORTNUM & MASON: DIECI ANNATE DI PRESTIGIOSA COLLABORAZIONE
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .



Fortnum & Mason, la più prestigiosa drogheria-gatronomia-enoteca del mondo, con sede a Piccadilly dal 1707, ha richiesto fin dall'annata 1998 il nostro Soave, con una sua etichetta dedicata. Queste dieci annate hanno consolidato una collaborazione che dà grande prestigio alla nostra azienda. Per noi è un punto di orgoglio essere in compagnia delle più importanti aziende di Bordeaux, Champagne, Porto e di tutti gli altri vini che compongono l'ambita selezione di F & M. L'etichetta Fortnum & Mason Soave Classico è stata disegnata dall'architetto Nicholas Wood di Londra, lo stesso autore di molte delle nostre etichette. Il vino è una cuvée di Soave Classico prodotto, come tutto il nostro Soave, solamente con uva Garganega della zona Classica di nostra proprietà e fermentato in acciaio. Il vino è reperibile presso il negozio a Piccadilly e sul catalogo Fortnum & Mason.

 

01/03/2010
ALCUNE CONSIDERAZIONI SUL 'BIOLOGICO'
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .




Recentemente, uno degli argomenti più dibattuti ed utilizzati da molti produttori di vino è la gestione biologica della viticoltura. Il vino 'biologico' per legge non esiste ancora, ma la parola 'biologico', seguita a ruota da 'biodinamico', campeggia sulla bocca di produttori, appassionati, giornalisti ecc. ecc.
Siamo noi stessi in regime biologico certificato per tutti i nostri vigneti di uve rosse. Pertanto i vini: Carmenere Più, Bradisismo, Oratorio di San Lorenzo e Cabernet Sauvignon Selezione, provengono da vigneti a conduzione biologica.
Volutamente non utilizziamo questo argomento come diretto strumento di vendita. O meglio, siamo ben felici di parlarne con chi ci chiede informazioni sulle caratteristiche dei vini e sulla nostra filosofia produttiva. Ci risulta difficile però utilizzare questi argomenti in modo commerciale, come se fosse una nuova dicitura da aggiungere in etichetta.
Le considerazioni che stanno dietro a questa scelta provengono da una visione del vino che riassumo di seguito.

Negli ultimi trent'anni, il boom senza precedenti del vino, ha creato un interesse cresciuto vorticosamente. Stili, mode, zone di produzione vecchie e nuove, vitigni e filosofie si sono avvicendati nel mercato con ritmo incalzante.
Questo ha 'assimilato' il vino moderno ad una quantità di altri prodotti di consumo che devono spesso mutare la propria veste e la propria etichetta per attrarre l'interesse del consumatore.
E' interessante però notare come i grandi vini classici, soprattutto francesi, non si siano inchinati a questi andamenti, mantenendo la loro identità ben precisa, senza comunicare in modo diretto gli eventuali cambiamenti nella loro viticoltura ed enologia. Molti vengono già prodotti da molto tempo da uve biologiche o circa tali, ma senza dichiararlo apertamente. Lo scopo è quello di non fare distrarre il bevitore da quello che è l'unico e vero scopo del nostro lavoro: la bontà del vino.
Qualunque aggettivo come: biologico, biodinamico, naturale ecc. non comprova di per sé la bontà di un vino, ma mette il consumatore in una condizione positiva, forse troppo, nei confronti di un vino prima ancora di assaggiarlo. Quanti di noi hanno bevuto alcuni vini che sono stati presentati fregiandosi di questi attributi ed al palato li hanno trovati pessimi? Credo molti.
Pertanto, utilizzare ed introdurre nuovi aggettivi in nome di una maggior 'naturalità' del vino non aiuta di per sé il palato del consumatore a crescere, ma rischia di sviarlo verso una nuova moda, per quanto sana, che non certifica certo la bontà di quel determinato vino. D'altra parte, l'ideale sarebbe proprio l'operazione opposta: l'assaggio alla cieca, addirittura un po' distratto aggiungeremmo, dove la bontà debba emergere intensa e quasi inaspettata.
Le buone pratiche agricole ed enologiche sono necessarie certamente a questo scopo. Ma non ne sono garanzia.

Stefano Inama

 

15/09/2009
WINE SPECTATOR METTE AL PRIMO POSTO NELLA LISTA DEI MIGLIORI VINI BIANCHI ITALIANI IL VULCAIA FUMÉ 2006 DI INAMA
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .



«Wine Spectator», la più prestigiosa rivista di vino americana, ha stilato in questi giorni la lista dei migliori bianchi italiani - già disponibile in versione integrale sul sito del magazine (www.winespectator.com/083109).- I degustatori hanno preso in considerazione il meglio della produzione italiana in fatto di vini bianchi e hanno stilato la «Top Wines». Inama si è classificato al primo posto con 93 punti con il Vulcaia Fumè 2006, con la seguente descrizione: «Aromi ricchi che conferiscono un bella corposità, dall’evoluzione raffinata. Intenso, profondo ed equilibrato, rimane fresco in bocca».

«Un prestigioso riconoscimento - commenta Stefano Inama - che si aggiunge alle molte segnalazioni e agli alti punteggi assegnati ai nostri vini che la più famosa rivista del vino del mondo ci ha sempre riservato nel corso del tempo. Per fare un esempio, nel 2004 ci ha classificato - prendendo in esame 12.500 aziende in tutto il mondo sulla base dell’alto punteggio, della produzione e del rapporto qualità/prezzo - tra le prime cento aziende Top 100 nel mondo».

 

20/05/2009
BINOMIO, IL MONTEPULCIANO D'ABRUZZO
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .




Binomio nasce come una scommessa nel 1998. L'idea era quella di produrre un grande Montepulciano d'Abruzzo, sontuoso ma moderno. Fattoria La Valentina e Azienda Agricola Inama hanno sviluppato il progetto nelle prime due annate, '98 e '99. Con queste produzioni si è iniziato a mettere a punto la ricetta per valorizzare questo vitigno.

Il decollo vero e proprio dell'operazione è avvenuto nel 2000 con l'acquisizione dello straordinario vigneto in Località San Valentino in Abruzzo Citeriore. E'una vecchia vigna di 4,2 ettari, piantata negli anni Settanta in una posizione splendida, rivolta a sud, a circa 400 m di altezza nelle immediate vicinanze del parco Nazionale della Majella.

Ha avuto una storia travagliata, è passata di mano alcune volte finendo poi ad un' asta giudiziaria dove abbiamo potuto acquistarla. Particolare curioso è che siamo stati gli unici a partecipare all'asta. La vigna era infatti famosa per la sua scarsa produttività e nussuno la voleva!

Il vigneto è stato completamente restaurato nella primavera del 2009. L'eccellenza del territorio, zona di origine del Montepulciano d'Abruzzo, l'inversione termica e sopratutto il vecchio clone della varietà di uva, detto clone Africa, a causa della caratteristica forma a coda corta e ad acino piccolo, che ricorda la forma del continente, ci hanno consentito di produrre da subito un vino di eccellenza.
La viticultura è di tipo minimalista, con folto inerbimento e pochissimi interventi. L'humus naturale ha permesso di eliminare la concimazione.

Fin dall' inizio ci siamo resi conto che l'uva prodotta nel nostro vigneto aveva caratteristiche uniche: note finissime di fragoline selvatiche e altre bacche scure, ricchezza di colore, lunghezza di sapore, totale maturità fenolica. Abbiamo mantenuto la produzione intorno ai 50 quintali per ettaro, con limitati diradamenti regolari, così come il vigore delle piante, al fine di ottenere da ogni annata un grande vino. La generosità del clima e del territorio fa il resto.

In cantina ci affidiamo ad un approccio non invasivo. Semplici pratiche enologiche che consentono di ottenere un vino fresco e netto, non sovraestratto, in grado di maturare per diciotto mesi in barrique senza travasi. Tutto ciò senza artifici tecnologici e neppure nuove improbabili religioni produttive.
In questi primi dieci anni di produzione abbiamo progressivamente sviluppato Binomio. Crediamo sia stato utile per poter esprimere il meglio dell'Abruzzo in bottiglia.




       
     

10/05/2009
ORATORIO DI SAN LORENZO (PARTE II)
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .




 

Nella precedente newsletter avevamo descritto il territorio e le caratteristiche del Carmenere prodotto presso l'Oratorio di San Lorenzo a San Germano dei Berici (Vicenza). Con orgoglio annunciamo che nel mese di marzo abbiamo vitato anche la seconda metà della proprietà. Altri 6 ettari di Carmenere  a 5.000 viti per ettaro, per un totale di 30.000 piante che vanno ad aggiungersi alle 30.000 già piantate nel 2002. Tutta la tenuta verrà allevata a Guyot e condotta in regime biologico. Oggi è sicuramente la più importante e probabilmente la più grande di Carmenere in Italia ed in Europa. Altrettanto non si può dire per la quantità di uva prodotta. Nelle scorse due annate sono stati prodotti una media di 36 quintali di uva per ettaro senza diradare i grappoli. Evidentemente le condizioni ambientali sono tali da devigorire naturalmente le piante arrivando ad una produzione media di uva che a stento raggiunge i 750 grammi per ceppo. A noi va benissimo così. I vini prodotti finora promettono un futuro radioso...   Come per la parte già vitata, ad ogni vendemmia decidiamo se e quale uva selezionare per il vino "Oratorio di San Lorenzo". Il resto va a comporre il blend di "Carmenere Più", il nostro secondo vino composto da Carmenere e Merlot. Quest'ultimo viene prodotto anche con le uve di Carmenere e Merlot dai vigneti di Villa Del Ferro, vecchie pergole (più di quarant'anni) e Guyot più recenti. La produzione non supera i 50 ettolitri  per ettaro. Tali condizioni ci permettono di produrre un vino elegante con tannini sempre ben maturi, ma anche con acidità e freschezze che lo rendono elegante e ben equilibrato, pur essendo il nostro secondo vino.

       
     

20/03/2009
VINITALY 2009 / PROWEIN 2009
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .



VINITALY 2009
Saremo lieti di incontrarVi al Vinitaly di Verona dal 3 al 7 aprile. 
Vi ricordiamo la postazione, immutata negli anni: 
Padiglione 5, stand A5.

PROWEIN 2009
Saremo presenti anche quest’anno al PROWEIN di Duesseldorf dal 29 al 31 marzo. 
Vi accoglieremo al
Padiglione 3 stand 3J140.

Vi aspettiamo!

       
     

03/03/2009
ORATORIO SAN LORENZO, L'ULTIMO NATO DELLE CANTINE INAMA
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .




L'idea di produrre un grande rosso unico e tipico dei Colli Berici, una selezione di Carmenere, ci è venuta quando abbiamo visto per la prima volta la plaga presso l'antico Oratorio di San Lorenzo in Località San Germano dei Berici (Vicenza). Era il 2001. Si tratta di una valletta, probabilmente di origine carsica, posizionata a mezza collina sul fianco destro della Val Liona.

STORIA
In epoca tardo romana viene edificato in quest'area l'Oratorio di San Lorenzo.Nel primo medioevo, dopo gli anni bui delle invasioni
barbariche, questo sito era divenuto un vero e proprio centro

agricolo e religioso grazie alla diffusione dei frati benedettini nel basso vicentino e alla costruzione del convento presso l'oratorio. E'probabilmente da allora che la valletta sottostante, oggi di circa 13 ettari, dopo essere stata disboscata, inizia la sua attività agricola sotto l'egida dei benedettini.

IL TERRITORIO, IL VIGNETO
Il luogo si presenta come eccellente per la coltivazione della vite: il terreno è di tipo limo-argilloso-calcareo, dove il limo viene continuamente fornito dal bosco sovrastante grazie al dilavamento delle piogge. Metà della valle è stata da noi acquistata all'inizio del 2002 e subito vitata. Abbiamo optato per un impianto a guyot con 5.000 viti per ettaro con filari a ritocchino che vanno a morire all'inizio del bosco. In questo modo le piogge continueranno ad arricchire il terreno con il limo del bosco. La gestione è biologica certificata.

L' UVA, IL VINO
Il Carmenere è, a nostro parere, l'eccellenza dei Colli Berici. Questo vitigno, originario della Dalmazia prima e di Bordeaux poi, ha trovato qui la sua zona di elezione. Sono state messe a dimora 30.000 viti con il progetto di produrre un Carmenere unico, irripetibile altrove.
La prima annata, il 2004, ha dato già i risultati sperati. Le viti hanno prodotto quantità "omeopatiche" di uva. Ne è risultato un vino di concentrazione impressionante pur provenendo da uve non appassite. La maturazione fenolica è perfetta, i tannini del Carmenere sono notariamente elegantissimi una volta portati a piena evoluzione. L'aroma è unico, contraddistinto da sentori di piccole bacche scure supportate da una nota di cacao amaro e un tocco di pepe nero. Già alla prima produzione il vino si presenta, dopo quattro anni, multidimensionale. Le varie note si integrano producendo grande potenza ma anche freschezza e vivacità aromatica.
Ne sono state prodotte circa 4.000 bottiglie.

     
      Soc. agricola eredi di Inama Giuseppe s.s. - Località Biacche n.50 - 37047 San Bonifacio/Verona - p.iva: 03883480232 | Design by Woozydesign.com